VERTICAL FARM

Le Vertical Farm o skyfarming sono tecniche di coltivazione agricola indoor.

Sono vere e proprie fattorie verticali, protette da strutture come serre, capannoni o immobili di altro genere, che grazie a tecniche estremamente ecosostenibili, presentano considerevoli vantaggi rispetto all’agricoltura tradizionale.

Lo skyfarming permette infatti una massimizzazione della produttività, grazie alla riduzione del consumo dell’acqua e dell’emissioni di CO2, una produzione a Km 0 e il dimezzamento delle tempistiche di crescita e raccolta delle coltivazioni.

Cosa possiamo fare per te

E-mod è in grado, attraverso i suoi team e partner, di proporre soluzioni chiavi in mano per realizzare colture di vario genere, adattabili alle tecniche innovative citate.

Possiamo realizzare strutture interne con vasche e canali per irrigazione, foto periodi con luci led, sistemi di gestione e controllo da remoto, sanificazione e mantenimento condizioni ottimali interne, indipendenza energetica e supporto alla filiera sostenibile con recupero degli scarti e mobilità elettrica.

Il tutto è incentivato dalla finanza agevolata.

Parchi Agrisolari: contributi dal PNRR per 1,5 miliardi di euro

Parchi Agrisolari: contributi dal PNRR per 1,5 miliardi di euro
Ricordiamo che con il bando “Parco Agrisolare” verranno selezionati e finanziati progetti che prevedono l’acquisto e la posa in opera di pannelli fotovoltaici sui tetti di fabbricati strumentali all’attività dei soggetti beneficiari, compresi quelli destinati alla ricezione ed ospitalità nell’ambito dell’attività agrituristica.

Gli interventi ammissibili all’agevolazione, devono prevedere l’installazione di nuovi impianti fotovoltaici con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 500 kWp. Inoltre sono ammessi a finanziamento solo impianti fotovoltaici di nuova costruzione e realizzati con componenti di nuova costruzione.

Insieme a questa attività, possono essere eseguiti uno o più dei seguenti interventi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture:

• rimozione e smaltimento dell’amianto o dell’eternit dai tetti, in conformità alla normativa nazionale di settore vigente;
• realizzazione dell’isolamento termico dei tetti;
• realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d’aria).
La spesa massima ammissibile per singolo progetto è pari a 750mila euro, con il limite di 1 milione di euro per beneficiario.

Per gli anni dal 2022 al 2026 le risorse ammontano a 1,5 miliardi di euro a valere sui fondi del PNRR
Il 40% delle risorse è destinato a progetti da realizzare nelle regioni del Mezzogiorno.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di accesso ai Fondi:

a) Imprenditori agricoli, in forma individuale o societaria;
b) imprese agroindustriali, in possesso di codice ATECO indicati in un avviso di prossima pubblicazione;
c) indipendentemente dai propri associati, le cooperative agricole che svolgono attività di cui all’art. 2135 del codice civile e le cooperative o loro consorzi di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228.
Sono esclusi i soggetti esonerati dalla tenuta della contabilità IVA, con un volume di affari inferiore a 7mila euro all’anno.

Contattaci per maggiori informazioni

    Carrello
    Torna su